Come ottimizzare una campagna pubblicitaria online: esempi REALI

By | 13 Mag 2016

Ho notato una incredibile disinformazione per quanto riguarda la gestione delle campagne pubblicitarie online, in particolare tramite Facebook, che al momento ha molto più potenziale di qualsiasi altro canale, ma non è immediato come lo possono essere altri, ad esempio Google Adwords.

Molte persone mi raccontano che hanno utilizzato Facebook e che non un funziona; per esperienza personale posso affermare che non è assolutamente vero, ho pubblicato centinaia di annunci con performance al limite dell’incredibile.

Il vero problema è che però, le agenzie web stesse, non lo sanno utilizzare correttamente.

Per prima cosa la campagna pubblicitaria non ha nessun tipo di obiettivo, ho scritto un articolo sull’utilità/inutilità dei siti internet, che ti consiglio di leggere, puoi trovarlo qui: “Sito internet: spesa inutile o investimento?“. Te lo riassumo brevemente:

“Il tuo sito deve avere uno scopo, quello di portarti nuovi clienti. Per farlo deve avere una serie di caratteristiche che sfortunatamente la maggior parte dei siti non hanno. Quindi se non ottieni nuovi clienti grazie ad esso, o non hai abbastanza traffico o il sito non è strutturato correttamente.”

Il secondo punto è che pochissime persone in Italia utilizzano correttamente gli strumenti che Facebook fornisce e quasi nessuno li sfrutta al massimo.

Vuoi mettere un post in evidenza? Ok, ma con quale scopo?

Quando decidi di fare una qualsiasi azione riguardante la tua azienda, devi sempre avere uno scopo ben definito, in modo da poterne tracciare i risultati ed avere un’idea ben chiara dell’efficacia di quest’ultima.

Solo dopo aver definito lo scopo si può passare alla parte pratica, ovvero alla creazione dell’annuncio e a tutto quello che vi ruota intorno.

L’errore più grande di questa fase è quello di creare un solo annuncio.

Ora ti mostrerò il processo di ottimizzazione che ho fatto in tre giorni per promuovere l’articolo che ho citato poco fa.

Ci tengo a precisare che l’ho fatto principalmente per diletto e per scrivere questo articolo. Diversamente il lavoro sarebbe stato molto più preciso ed accurato, ed ovviamente più lungo nel tempo per avere delle statistiche più veritiere prima di effettuare le varie ottimizzazioni.

Comunque sia la logica che sta dietro alle scelte è la stessa, è un esempio che reputo di grande utilità per chiunque si voglia avvicinare al mondo del marketing online.

Quando viene creata una nuova campagna, è assolutamente necessario dividere il pubblico secondo diversi parametri, per questa campagna ne ho utilizzati solo due più uno fisso:

  1. Range di età: 18-25, 26,35, 36-60
  2. Sesso: Maschile e femminile
  3. Interessi: Imprenditoria

Ho inoltre creato tre titoli dell’annuncio, tre immagini diverse e due descrizioni.

Dopo aver raccolto rapidamente qualche dato mi sono trovato in questa situazione nel confronto delle due immagini:

 Il tuo sito è una spesa o un investimento? Immagina performante
Click Trough 0,73% 1,6%
Costo per click 0,22 € 0,125 €

Come potete facilmente notare, una delle due immagini performava più del doppio dell’altra.

Com’è ovvio, ho interrotto tutte le combinazioni di annunci che utilizzavano la prima immagine, mantenendo attiva solo la seconda.

Il secondo parametro che aveva una differenza sostanziale era il titolo dell’annuncio.

 La verità dei siti internet che nessuno ti ha mai detto! Sito internet: spesa inutile o investimento? Il 95% dei siti internet è completamente inutile!
Click Trough 1,45% 0,95% 1,45%
Costo per click 0,10 € 0,18 € 0,14 €

Anche qui era evidente come, rispetto al primo titolo, gli altri costavano rispettivamente l’80% ed il 40% in più. Di conseguenza ho eliminato tutte le combinazioni di annunci che non contenevano il primo titolo.

Il terzo parametro che aveva una differenza veramente netta, era il sesso delle persone che vedevano l’annuncio.

 uomo donna
Click Trough 1,77% 0,8%
Costo per click 0,11 € 0,20 €

Vista così sembra che il pubblico maschile sia molto più interessato all’articolo pubblicizzato, ma sono entrato nel dettaglio incrociando il sesso con l’età, per avere un’idea più chiara della situazione.

Questo è stato il risultato:

 Click Trough Costo per click
Maschi: 18-25 1,55% 0,10€
Maschi: 26-35 1,40% 0,12 €
Maschi: 36-60 2,08% 0,13€
Femmine: 18-25 0,51% 0,26€
Femmine: 26-35 0,65% 0,20€
Femmine: 36-60 1,47% 0,16€

Il target femminile di età compresa tra i 18 e i 35 anni sembra effettivamente non essere interessata. Mentre può sembrare esserci uno spiraglio di interesse nel range tra i 36 e 60. E’ necessario segmentarlo a sua volta e verificare di nuovo.

Come ultimo confronto è rimasto la descrizione dell’annuncio:

 Scopri quali sono le caratteristiche che il tuo sito deve assolutamente avere e che NESSUNO ti dirà! La triste verità sui siti internet, anche tu hai buttato via soldi? Svelate le caratteristiche essenziali che il tuo sito deve avere!
Click Trough 1,13% 1,16%
Costo per click 0,07 € 0,10 €

Anche in questo caso ho eliminato il testo meno performante mantenendo l’altro.

Esistono tantissimi altri parametri da verificare e da provare, come altri interessi, orari, giorni della settimana e via dicendo, ma la modalità che io ritengo corretta per procedere è quella che ti ho illustrato.

Cosa succede quanto unisci tutti questi dati che hai raccolto per creare un’annuncio super focalizzato?

Probabilmente non ci crederai perché i risultati sono al limite dell’incredibile, ma ti mostro quelli che sto ottenendo in questo preciso istante. La campagna è online solamente da un paio di ore, ma questo è il risultato presente al momento (creando una nuova campagna ho aggiunto nuovi test per andare a migliorarla ancora ancora, come ti mostro in questo esempio):

Media Scopri quali sono le caratteristiche che il tuo sito deve assolutamente avere e che NESSUNO ti dirà mai! Svelate le caratteristiche essenziali che il tuo sito deve avere! Controlla tu stesso se il tuo sito le possiede!
Click Trough 3,95% 4,19% 3,28%
Costo per click 0,009€ 0,008 € 0,012 €

Nella creazione della nuova campagna ho inserito nuovi titoli, immagini e descrizioni, ma l’unico valore che si discosta di molto tra le varie opzioni è questa che ti ho riportato.

Indipendentemente dal risultato tra le due descrizioni, puoi notare come il costo per click sia ai limiti dell’assurdo, meno di un centesimo per click, o poco più di un centesimo per l’altra descrizione.

Immagina come potrebbe esplodere il tuo business se potessi raggiungere cento potenziali clienti investendo un singolo euro.

Servono competenze, lavoro duro, tanta pazienza, bisogna fare moltissimi test e non sarà facile, ma come ti ho dimostrato Facebook ADS ha un potenziale veramente incredibile.

Questo comunque è solo il primo passo.

Ora sei in grado di portare contatti interessati sul tuo sito, ma se non li trasformi in clienti è tutto inutile!

Il tuo sito deve trasformare questi potenziali clienti in clienti ed è un lavoro altrettanto duro.

Perché un cliente dovrebbe contattarti o lasciarti il suo contatto? Il sito ha una struttura creata appositamente per catturare e convertire il maggior numero di clienti possibili?

Purtroppo no, come ho scritto in un altro articolo.

Ora che conosci la potenza di fuoco di Facebook non farti più abbindolare da chiacchiere da quattro soldi. Facebook PUO’ funzionare, ma è solo un mezzo che ti permette di catturare l’attenzione dei clienti, il resto lo devi fare tu, il tuo sito, la tua pagina Facebook o un qualsiasi altro mezzo!

Ripeto di nuovo, questo è solo l’inizio, devi avere un percorso completo di acquisizione clienti, Facebook ti manda i potenziali contatti, il tuo sito deve catturarli. Siamo nell’era dell’informazione e difficilmente un cliente comprerà subito da te, quindi devi nutrirli, lavorarli, prepararli a quello che offri.

E’ un processo che può e deve essere automatizzato, ma richiede comunque molto lavoro. Ma una volta che avrai messo in piedi tutto questo sistema il tuo business esploderà letteralmente! Non c’è scampo!

Dimmi cosa ne pensi nei commenti.

Nel prossimo articolo approfondirò la parte successiva, scaricati il mio e-book per essere aggiornato!

Buon business!

 

P.s. Se ti è piaciuto questo articolo clicca “mi piace” al mia pagina Facebook 🙂

  • […] Utilizza Facebook come canale pubblicitario, avendo cura di leggere questo articolo prima di investire una fortuna (Facebook Ads: Esempi reali) […]

  • […] Il primo step, e le poche agenzie che lo fanno si fermano a questo, è quello di incanalare il traffico web sul tuo sito internet, dandoti visibilità. Ma come ho già scritto in questo articolo (link), il sito deve essere uno strumento per generare clienti e deve quindi essere fatto in un certo modo. Non è sufficiente mandare clienti al sito se poi questi non compiono nessuna azione. Il traffico può essere gratuito o a pagamento. […]

  • […] questo articolo ho descritto come gestisco l’ottimizzazione di una campagna Facebook: “come ottimizzare una campagna pubblicitaria online esempi reali“. Puoi facilmente capire quale differenza è presente dal mostrare il proprio […]

  • […] In questo articolo ho mostrato un caso reale del processo di ottimizzazione: Come ottimizzare una campagna pubblicitaria online: esempi REALI […]

  • […] questo articolo nel quale mostro come ho gestito l’ottimizzazione di una campagna online: Come ottimizzare una campagna pubblicitaria online: esempi REALI. Viene mostrata solo la prima parte, ma è sufficiente per rendere chiaro il concetto ed il […]

  • […] Come ottimizzare una campagna pubblicitaria online: esempi REALI […]

  • Cristina Furlani ha detto:

    Articolo molto interessante 😉 Ho appena iniziato ad usare le campagne pubblicitarie su FB (prima ho lavorato con Facebook Business Manager, scrivere blog e restyling del sito) e l’efficacia di suddividere le fasce di età delle persone la trovo geniale!!!
    Non si smette mai di imparare. La passione porta all’obiettivo che vuoi raggiungere.
    “Quando ricalibri i tuoi obiettivi e le tue visioni sull’obiettivo finale della strada, quella meta trasforma la tua vita di tutti i giorni in AZIONI APPASSIONATE indirizzate a quella specifica destinazione.” “Avere un ‘perchè’ appassionato può trasformare il tuo lavoro in gioia.” cit. MJ DeMARCO nel suo libro ‘Autostrada per la ricchezza
    Buona domenica;-)