L’importanza del copywriting (e perché hai bisogno di un copy professionista)

By | 9 luglio 2018

Il copywriting fa parte della mia vita quotidiana: ogni giorno mi ritrovo a scrivere una gran quantità di cose per lavoro. Una su tutte? Le mie Pillole di Business.

Non credo affatto che sia un’attività facile, eppure molti imprenditori e professionisti pensano di potersela cavare da soli o di poter affidare il compito al famigerato cugino.

Se sei tra questi, sappi che so benissimo qual è il pensiero che stai formulando: “Se i testi li scrivo io, risparmio soldi!”.

In realtà questa percezione di risparmio è pura illusione e per convincerti ti spiego esattamente perché è meglio affidarti a un copywriter professionista.

Perché non puoi essere tu il tuo copywriter

La risposta è semplice: perché non hai le competenze necessarie!

Eh già, per fare del buon copy non ti basta scrivere la prima cosa che ti viene in mente e, ancora meno, scrivere quello che piace a te.

Arrangiarti da solo può sembrarti una furbata pazzesca, ma sul lungo periodo si traduce in perdite. Questo perché il copywriting tocca tre aspetti fondamentali per la tua comunicazione aziendale e capaci di portare risultati.

Vediamoli.

1. Essere primo su Google

Chi non vorrebbe vedere il proprio sito tra i primi risultati di ricerca di Google!

Quei risultati non sono causali, ma dipendono da un algoritmo che, tra i vari elementi, considera anche i testi.

Perché il tuo sito finisca tra i primi posti, hai bisogno di testi scritti in maniera SEO-oriented, ovvero che:

  • contengano le giuste parole chiave, nella giusta quantità e posizione,
  • abbiano una struttura e una formattazione adeguate.

Il motore di ricerca analizza questi elementi e deduce se il tuo è un sito di qualità e se contiene le risposte alle ricerche degli utenti.

La scrittura di testi ottimizzati per la SEO si basa su competenze specifiche e sull'uso di software dedicati.

A meno che tu non abbia studiato questa materia, i tuoi testi non saranno mai SEO-oriented ma saranno solo…semplici testi! Non riusciranno mai a farti salire nei risultati dei motori di ricerca.
Questo significa che la tua visibilità sarà molto ridotta e che il tuo sito non raggiungerà mai i tuoi potenziali clienti.

Ingaggiare un copywriter può sembrarti una spesa, ma in realtà è un investimento: il tuo sito diventerà davvero uno strumento per farti trovare dai clienti.

2. L'engagement, questo sconosciuto

Se pensi che il lavoro del copy sia solo quello di creare testi che piacciano a Google, ti sbagli.

Questo è solo il primo step.

Cosa succede infatti se l’utente che ti ha trovato tra i risultati di ricerca, entra nel tuo sito e non trova alcun contenuto interessante?

Te lo dico io: se ne va alla velocità della luce.

Considera che la tecnologia ha modificato profondamente le nostre abitudini. Il costante e imponente flusso di informazioni al quale siamo sottoposti ha ridotto la nostra soglia di attenzione: in pochi decimi di secondo capiamo se il blog post o il video di YouTube che abbiamo davanti ci interessa e, se il contenuto non ci soddisfa immediatamente, cambieremo.

Voglio dirtelo chiaramente: hai pochi istanti a disposizione per catturare l’attenzione del tuo utente e trattenerlo.

Per riuscirci hai bisogno di contenuti davvero buoni: i testi, in particolare, dovrebbero essere facili da leggere, semplici da capire, consistenti e capaci di suscitare engagement.

Engagement significa coinvolgimento ed è la chiave del marketing moderno.

Le persone infatti sono ormai diventate immuni alla pubblicità tradizionale, quella basata sulla vendita di prodotti/servizi apparentemente perfetti.  Ora vogliono relazioni, emozioni, vogliono scoprire il lato umano delle aziende. E sai questo come si fa? Attraverso lo storytelling, cioè l’arte di raccontare storie.

Questo tipo di copywriting si basa sulla conoscenza di tecniche narrative del tutto simili a quelle dei grandi scrittori.

E tu sei capace di raccontare storie coinvolgenti e oneste in cui i potenziali clienti possano ritrovarsi? Oppure scrivi testi formali e infarciti di banalità come “prodotto di qualità”, “servizio a 360 gradi”, “lunga tradizione di famiglia”?

Sappi che puoi avere il sito più ottimizzato del mondo, ma se gli utenti non ci trovano niente di coinvolgente lo abbandoneranno immediatamente.

E ogni utente che esce dal tuo sito è un potenziale cliente che perdi.

Se ti affidi a un copywriter abile nello storytelling riuscirai a creare un seguito, una comunità di utenti appassionati del tuo brand. Ed è molto più facile vendere a loro che a perfetti sconosciuti!

In altre parole, il loro costo di acquisizione è inferiore.
Capito dov’è il risparmio?

3. Le conversioni: da utente a cliente

Ok, diciamo che i contenuti testuali del tuo sito sono ottimizzati per la SEO e sono anche capaci di coinvolgere.

È sufficiente? No.

Il tuo vero obiettivo infatti non è essere primo su Google o raccontare storie, ma vendere!

I testi possono convertire gli utenti in clienti, se si fa uso di un buon copywriting persuasivo!

Le persone che entrano nel tuo sito hanno tutte esigenze diverse e sono più o meno “mature” per l’acquisto del tuo bene/servizio. Per portarle a diventare clienti paganti è importante che tu dica loro cosa fare nel modo, nel luogo e nel momento giusto.

Il copy persuasivo si basa sull’uso di leve psicologiche specifiche e serve a spingere gli utenti a seguire un determinato percorso personalizzato che li trasformi in clienti.

Le conosci queste leve? Se ti dico “bias psicologici” sai di cosa sto parlando?

Chi si occupa di copywriting persuasivo sa benissimo come e quali parole usare per suscitare determinate emozioni che, a loro volta, spingono gli utenti ad acquistare un bene, prenotare una consulenza o semplicemente scaricare un ebook o approfittare di un’offerta.

Se i testi continui a scriverteli tu, senza considerare queste leve, allora sarà come se stessi costruendo una grande e magnifica casa, senza porte e finestre Ti sembra un bell'investimento? Sul momento risparmi, ma poi chi la compra?

Conclusione

A dire il vero, esiste un’alternativa all'affidarsi a un copywriter, ed è lo studio.

Puoi prenderti l’impegno di studiare SEO, storytelling e copy persuasivo e poi applicare ciò che impari.

Ma sei davvero sicuro che sia una buona idea?

Io penso di no, perché non consideri un fattore importante.

Il risparmio nel lavorare con un copy professionista non è solo economico, ma anche di tempo.

Ogni ora che dedichi allo studio del copywriting è un’ora tolta alla gestione e al miglioramento della tua attività.

Ricordati che saper delegare a persone competenti è una delle capacità da sviluppare se vuoi far crescerei tuo business.

A te la scelta!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Vuoi conoscere i concetti di decine di libri al mese leggendo solo 3 minuti al giorno?

Ogni giorno riceverai gratuitamente una breve pillola, da 2/3 minuti di lettura, con i consigli appresi sul campo e applicati con successo dai più grandi esperti di business a livello mondiale!

"Il cambiamento della realtà comincia dalla tua mente"